QNAP Systems, Inc. - Network Attached Storage (NAS)

Language

Support

Come creare un cluster di failover per Windows Server 2012 R2 utilizzando QNAP Virtualization Station (nodi server) e le destinazioni iSCSI del NAS (archiviazione condivisa).

Questo tutorial descrive come utilizzare le macchine virtuali (VM) Windows Server 2012 R2 come nodi per i cluster di failover di Windows. Usando la Virtualization Station di QNAP, creando una VM come nodo di un cluster, è possibile costruire facilmente un clustering di failover e proteggere le applicazioni di importanza strategica in esecuzione su Windows Server 2012 R2. Se, ad esempio, si ha un server AD nel proprio ambiente informatico, il NAS QNAP consente di creare una VM come server di backup. Quando il server AD non è accessibile, la VM può rilevare il servizio attraverso il clustering di failover di Windows.

Nota: è necessaria un'archiviazione condivisa per creare un cluster di failover di Windows Server 2012, in questo tutorial utilizzeremo quindi destinazioni ISCSI del NAS come archiviazione condivisa.

 

Cos'è un cluster di failover?
È un gruppo di server (fisici o virtuali) che possono mantenere un'elevata disponibilità di applicazioni e servizi. Un server può essere considerato come un nodo di un cluster. Se uno dei server non funziona, un altro server (nodo) nel cluster può rilevare il suo carico di lavoro garantendo che i servizi critici delle applicazioni non vengano interrotti e ridurre al minimo i tempi di inattività. Questo meccanismo è noto come failover. (Rouse 2012)

Requisiti

  • La VM Windows Server 2012 R2 è installata nella Virtualization Station e in configurazioni simili con il server del prodotto. Come mostrato qui di seguito, l'area selezionata in arancione mostra la VM Windows Server installata nel NAS QNAP e utilizza i commutatori virtuali per il collegamento alle interfacce di rete. (Ulteriori informazioni sui commutatori virtuali.)
  • È necessaria una connessione di rete aggiuntiva per collegare due server Windows nel cluster e l'archiviazione condivisa del NAS. La connessione di colore giallo qui sotto viene utilizzata per comunicare ogni nodo del cluster; mentre quella di colore blu collega i nodi all'archiviazione condivisa del NAS.

Impostazioni NAS

  1. Creare un archivio iSCSI
    Per l'archiviazione condivisa stiamo utilizzando l'archivio iSCSI del NAS per il clustering di failover. Ci sono due archivi iSCSI che devono essere aggiunti, "Quorum" e "Dati". L'archivio quorum viene utilizzato per stabilire se il cluster si è interrotto se il numero di nodi scende al di sotto della maggioranza, che è il numero minimo di nodi di un cluster. Con un'azione semplice, il quorum dirà al cluster quale nodo deve essere attivo in qualsiasi dato momento, e interviene se la comunicazione tra i nodi cade (Microsoft 2011). Dall'altra parte, Dati è una normale archiviazione condivisa per i nodi utilizzati.

    Il requisito minimo per il Quorum è 512 MB (nel tutorial useremo 1GB), mentre non esiste capacità limitata per il volume Dati e dipende dalle esigenze dell'utente.
    Per una dimostrazione più dettagliata, consultare Come collegare le destinazioni iSCSI alle VM di Virtualization Station

Impostazioni della Virtualization Station

  1. Installa Windows Server 2012 R2
    Caricare l'immagine ISO di Windows Server 2012 R2 sul NAS. In Virtualization Station, andare a Crea VM > Crea VM personalizzata. È possibile specificare le risorse VM tra cui i core CPU, la memoria e la capacità di archiviazione. Per ulteriori informazioni sulla creazione di una VM, fare clic qui.
  2. Configurare le impostazioni di rete della VM
    Per le richieste di archiviazione condivisa, abbiamo bisogno di un commutatore virtuale aggiuntivo per collegare un'interfaccia Ethernet NAS che è collegata alla rete dove si trova l'archiviazione condivisa.
    Andare a Impostazione di rete > Aggiungi commutatore virtuale". Esistono tre diverse modalità di rete, selezionare "Configura come rete collegata". Selezionare l'interfaccia che può accedere all'archiviazione condivisa e fare clic su Crea. Ad esempio, l'interfaccia Ethernet del NAS mostrata nell'illustrazione sopra è 172.17.100.101 e anche la memoria condivisa è nella stessa subnet (172.17.100.xxx). Per maggiori informazioni sulle modalità di connessione di rete, fare clic qui.
  3. Aggiungere un network interface controller (NIC) per la VM per collegare l'archiviazione condivisa.
    Il NIC virtuale della VM deve essere collegato al commutatore virtuale nel quale la rete può accedere all'archiviazione condivisa. Fare clic su VM sul menu principale > Impostazioni macchina virtuale > Aggiungi dispositivo, quindi selezionare il commutatore virtuale 2 che abbiamo aggiunto nella fase precedente.

  4. Aggiungere la VM al dominio
    Il server del controller di dominio è necessario per creare il clustering di failover quindi si deve aggiungere la VM nel dominio.
    Fare clic su Avvio, fare clic con il tasto destro del mouse su "Questo PC", andare a Proprietà > Modifica impostazioni > Modifica, quindi scegliere "Dominio" e inserire il nome di dominio.



    Nota: in alcuni casi, potrebbe essere necessario impostare manualmente il DNS prima che il server venga aggiunto al dominio. Fare clic su Avvio > Pannello di controllo > Rete e Internet > Rete e Centro condivisione.



    Fare clic su Ethernet > Proprietà > Protocollo IP versione 4 (TCP/IPv4) e scegliere "Utilizza i seguenti indirizzi server DNS:" quindi inserire l'indirizzo IP del server DNS.
  5. Installare il clustering di failover
    Per essere un nodo del cluster, il server deve prima avere la funzione clustering di failover installata. Fare clic su "Aggiungi ruoli e funzionalità" quindi fare clic su Avanti.

    Scegliere "Installazione basata su ruoli o basata su funzionalità" quindi fare clic su Avanti.

    Fare clic su Avanti.

    Fare clic su Avanti.

    Selezionare "Clustering di failover" quindi fare clic su "Aggiungi funzionalità".

    Fare clic su Avanti.

    Fare clic su "Installa" quindi fare clic su "Chiudi" al termine dell'installazione.

  6. Connessione all'archivio iSCSI del NAS
    Devono essere aggiunte le destinazioni iSCSI, Quorum e Dati.
    Fare clic su "Tools" quindi scegliere "Iniziatore iSCSI".

    Scegliere "Individuazione" quindi fare clic su "Individua portale...". Inserire l'indirizzo IP del NAS (es. 172.17.100.101) quindi fare clic su "OK". Tornare a "Destinazioni", e due destinazioni iSCSI saranno inattive. Selezionarle e fare clic su "Connetti". Quando sono collegate, fare clic su "OK".
      
    Fare clic con il tasto destro del mouse su "Avvio", quindi selezionare "Gestione disco". Saranno elencate le destinazioni iSCSI Quorum e Dati.


    Fare clic con il tasto destro del mouse sul disco, selezionare "Online", quindi fare clic su "OK".


    Fare clic con il tasto destro del mouse sul disco quindi scegliere "Nuovo volume semplice...". Quindi configurare le impostazioni del volume. Per ulteriori passaggi fare clic qui.


    Ripetere il passaggio 6 su Windows Server 2012 R2. Invece di formattare di nuovo i dischi (Quorum e Dati), basta crearli on-line.

Configurare il clustering di failover

  1. Installare Gestione cluster di failover
    Una volta preparata la VM del NAS, si avranno due Windows Server nello stesso dominio che condividono la memoria del NAS. Dobbiamo preparare un altro Windows Server per installare Gestione cluster di failover.

    Prima di installare Gestione cluster di failover, deve essere prima installata la funzionalità Clustering di failover. Fare riferimento al passaggio 5 delle Impostazioni del NAS.

    Fare clic su "Tools" quindi selezionare "Gestione cluster di failover" in Gestione server.
  2. Convalidare il clustering di failover
    Fare clic su "Convalida configurazione", quindi fare clic su "Avanti".


    Inserire il nome dei server.

    Selezionare "Esegui tutti i test (consigliato)", quindi fare clic su "Avanti".

    Verificare entrambi i dischi cluster (Quorum e Dati) quindi fare clic su "Avanti".


    Dopo aver convalidato il clustering di failover, il sistema fornirà un rapporto comprendente tutti i controlli dei parametri.

    Scegliere "Nodi" nella categoria e osservare lo stato dei Windows Server.

Riferimenti
Rouse, M. (2012). definizione cluster di failover. Disponibile:
http://searchwindowsserver.techtarget.com/definition/failover-cluster. Ultimo accesso 21 sett. 2015
Microsoft. (2011). Understanding Quorum Configurations in a Failover Cluster. Disponibile:
https://technet.microsoft.com/en-us/library/cc731739.aspx. Ultimo accesso 23 sett. 2015

Data di rilascio: 2015-11-23
È stato utile?
Grazie per il feedback.
Grazie per il feedback. Per eventuali domande, contattare support@qnap.com
100% delle persone lo ritengono utile.