QNAP Systems, Inc. - Network Attached Storage (NAS)

Language

Support

Importare ed esportare macchine virtuali (VM) da/a Virtualization Station (inclusa l'importazione di macchine virtuali da mercati VM online)

Perché importare ed esportare?
L'importazione e l'esportazione di macchine virtuali (VM) permette di spostare velocemente le VM da un Hypervisor, come VMware e VirtualBox, a un altro. Riduce il tempo d'impostazione di un nuovo ambiente VM tra diversi Hypervisor legacy. Molti Hypervisor supportano diversi formati di VM compatibili permettendo agli utenti di utilizzare questa funzione per spostare le VM senza perdere troppo tempo nelle impostazioni di configurazione.

Virtualization Station supporta l'importazione e l'esportazione di VM. I formati *.ova, *.ovf e *.vmx sono supportati dalle VM esportate da VirtualBox e VMWare; i formati *.ovf e *.qvm sono invece supportati per esportare le VM per altri Hypervisor o per Virtualization Station su altri server QNAP NAS. Virtualization Station supporta anche le attrezzature virtuali fornite da mercati VM online come Bitnami e VMware Virtual App.

Che cos'è un mercato VM online?
Dal momento che la virtualizzazione è diventato un metodo ben sviluppato, il numero di aziende desiderose di sostituire le macchine fisiche con quelle virtuali sta aumentando. Grazie a questo trend, diversi fornitori di applicazioni software combinano le loro applicazioni e i sistemi operativi open-source in attrezzature virtuali, supportate dai formati di macchine virtuali. I singoli e le aziende possono scaricare tali attrezzature virtuali e importarle direttamente negli Hypervisor. In questo modo non solo si riduce il tempo d'installazione di sistemi operativi e applicazioni, ma semplifica anche i problemi di compatibilità.

Virtualization Station supporta due mercati VM online: Bitnami Virtual App e VMware Virtual App. L'importazione di attrezzature virtuali è simile all'importazione generica di VM.

Importare una macchina virtuale

Virtualization Station è compatibile con i formati di file *.ovf e *.ova. Le VM (virtual machines) possono essere importate direttamente in Virtualization Station o esportate in altri Virtualization Station NAS integrati o altri hypervisor legacy incluso VMWare e VirtualBox.

Aprire Virtualization Station e fare clic su “Importa VM”.

"Importa VM":

  • PC: importazione da PC locale
  • NAS: importazione da NAS

Nota: i formati *.ova e *.ovf sono supportati solo da VM (virtual machine) esportate da VirtualBox v4 e VMWare; il formato *.vmx è supportato da VM esportate da VMWare Workstation 8/9.

Ad esempio, per importare una VM (virtual machine) da NAS. Selezionare “NAS” e fare clic su “Sfoglia”.

Aprire la cartella di archivio delle VM (virtual machine) e fare clic su "OK".

Fare clic su "Avanti".

È possibile impostare “Percorso di destinazione”, “Panoramica”, “Rete”, “Disco rigido” e “CD / DVD ROM IDE”

  • “Percorso di destinazione”: permette di decidere la posizione di salvataggio della VM (virtual machine) e se creare una sottocartella.
  • “Panoramica”: per nominare la VM (virtual machine) e personalizzare i core CPU e la memoria da usare nella VM.
  • “Rete”: per impostare una rete dedicata per la VM, creando un indirizzo MAC e indicando il modello di controller interfaccia di rete.
  • “Disco rigido”: per impostare la Modalità cache e il Controller del disco rigido.
    • Modalità cache: “nessuna”, “Writeback” e “Writethrough”
    • Controller: “IDE”, “SCSI”, “SATA” e “VIRTIO”
  • “CD / DVD ROM IDE”: selezionare “Opzioni” per aggiungere un CD/DVD ROM virtuale.

Al termine della configurazione, fare clic su "Importa".



Fare clic su "Informazioni VM".

Fare clic su “Avvio” per avviare la VM (virtual machine).

Fare clic su “Console” per vedere il desktop della VM (virtual machine).

Esportare una macchina virtuale

Se la VM (virtual machine) è stata creata da Virtualization Station o se è una VM importata, è possibile esportarle da Virtualization Station. In seguito, queste VM possono essere importate su un altro QNAP NAS o su un hypervisor esistente come VirtualBox o VMWare.

Fare clic su "Esporta VM".

  1. “VM”: per esportare è possibile le VM (virtual machines) da un elenco a discesa. Se la VM è in esecuzione o sospesa, non è possibile esportarla.
  2. "Nome file di esportazione": è possibile nominare la VM (virtual machine) da esportare.
  3. “Formato”: la VM (virtual machine) può essere esportata in due formati *.qvm e *.ovf. Il formato *.qvm è adatto all'importazione della VM in altri QNAP NAS, mentre il formato *.ovf è idoneo per altri hypervisor precedenti come VirtualBox v4 e VMWare.
    • “Includi immagini iso”: *.qvm e *.ovf
    • “Comprimi immagini”: *.qvm
  4. “Posizione”: per decidere la posizione in cui salvare le VM esportate.

Fare clic su "Avvio".

Fare clic su "Fine" per esportare.

Importare le macchine virtuali da negozi VM online

È possibile le macchine virtuali dai negozi online VM come Bitnami e VMWare. Il negozio VM online installerà le applicazioni nei sistemi operativi guest, ad esempio Windows, distribuzioni Linux, ecc., creandone pacchetti nei formati per macchine virtuali come *.ovf. In seguito, è sufficiente importare questo pacchetto direttamente tramite Virtualization Station ed eseguire le applicazioni sulle macchine virtuali.

Aprire Virtualization Station e fare clic su “Bitnami Virtual App”

Il browser predefinito aprirà una nuova tabella con il negozio online WM, Bitnami. Cercare le applicazioni desiderate e scaricarle. Scaricare "WordPress" come modello di esempio.

Fare clic su "WordPress" poi su "Macchina virtuale"

Il processo di download si avvierà e salverà la macchina virtuale selezionata nella cartella di destinazione scelta.

Al termine del download, verificare che il processo sia riuscito.

Tornare a Virtualization Station, fare clic su “Importa VM”, selezionare “PC” e poi su “Sfoglia”.

Aprire la cartella di destinazione di “WordPress” e selezionare “bitnami-wordpress-3.8-0-ubuntu-12.04-VBOX3.ovf”, poi fare clic su “Apri”.

Fare clic su "Avanti".

Fare clic su “Sfoglia” e selezionare“bitnami-wordpress-3.8-0-ubuntu-12.04.vmdk”, poi “Apri”.

Fare clic su "Avanti".

Fare clic su “Sfoglia” e selezionare “bitnami-wordpress-3.8-0-ubuntu-12.04-s00x.vmdk” (s001-s009). Fare clic su “Apri”.

Fare clic su "Avanti" per caricare i file.

Nota: quando si importa la VM (virtual machine) da un PC locale deve essere caricato sul NAS. Si suggerisce di importare VM (virtual machine) dal NAS per ridurre i tempi di attesa per il caricamento dei file.

Poi, sarà possibile impostare “Percorso di destinazione”, “Panoramica”, “Rete”, “Disco rigido” e “CD / DVD ROM IDE”.

  1. “Percorso di destinazione”: permette di decidere la posizione di salvataggio della VM (virtual machine) e se creare una sottocartella.
  2. “Panoramica”: per nominare la VM (virtual machine) e personalizzare i core CPU e la dimensione di memoria da usare nella VM.
  3. “Rete”: per impostare una rete dedicata per la VM, creando un indirizzo MAC e indicando il modello di controller interfaccia di rete.
  4. “Disco rigido”: per impostare la Modalità cache e il Controller del disco rigido.
    • Modalità cache: “nessuna”, “Writeback” e “Writethrough”
    • Controller: “IDE”, “SCSI”, “SATA” e “VIRTIO”
  5. “CD / DVD ROM IDE”: selezionare “Opzioni” per aggiungere un CD/DVD ROM virtuale.

Dopo aver deciso il numero di core CPU e la dimensione di memoria, fare clic su "Crea", selezionare "Opzioni" e fare clic su "Importa".

Quando la VM (virtual machine) è importata, fare clic su "Informazioni VM".



Fare clic su “Avvio” per avviare la VM (virtual machine).

Fare clic su “Console” per vedere il desktop della VM (virtual machine).

 

Data di rilascio: 2014-03-06
È stato utile?
Grazie per il feedback.
Grazie per il feedback. Per eventuali domande, contattare support@qnap.com
25% delle persone lo ritengono utile.