QNAP Systems, Inc. - Network Attached Storage (NAS)

Language

Support

Uso di Virtualization Station

Il primo Server NAS con gestione della virtualizzazione centralizzata:

QNAP Virtualization Station permette di eseguire operazioni di desktop virtualizzato sul Turbo NAS per la gestione di più macchine virtuali. Grazie alla semplice interfaccia, è possibile gestire a livello centrale tutte le macchine virtuali create sul Turbo NAS con il minimo sforzo. Essendo in grado di eseguire il servizio di hosting per sistemi operativi differenti, il Turbo NAS non funge solo da archivio per dati e backup ma anche da potente server NAS.

Le operazioni su desktop virtualizzati offrono numerosi vantaggi: (1) le macchine virtuali possono essere create con sistemi operativi differenti (2) si può accedere e aprire i file direttamente con applicazioni installate sulle macchine virtuali (3) tutte le operazioni vengono eseguite sul NAS per ridurre il rischio di perdite di dati e l'utilizzo di banda.

Installazione di Virtualization Station

Per installare l'app Virtualization Station sul QNAP Turbo NAS, accedere al desktop NAS come amministratore. Accedere a “Centro App” > “Virtualization Station” e fare clic su “Aggiungi a QTS”. A completamento dell'installazione, eseguire Virtualization Station.



All'esecuzione, Virtualization Station controlla se la versione del firmware del QNAP Turbo NAS è 4.0.5 o superiore, se il BIOS per la VT (Virtualization Technology - Tecnologia di virtualizzazione) è stato aperto e se il Turbo NAS dispone di almeno 4 GB di memoria.



Quindi, scegliere la cartella predefinita sul QNAP Turbo NAS dove posizionare le VM (virtual machines - macchine virtuali) create in futuro.

Dopo aver impostato la cartella predefinita, i dischi virtuali creati sulle VM (virtual machines) vengono posizionati nella cartella predefinita.

Scegliere l'Ethernet per le VM (virtual machines - macchine virtuali) che verranno create in futuro.

Terminate le impostazioni della cartella predefinita e dell'interfaccia di rete, fare clic su “Fine” per iniziare ad usare la Virtualization Station sul QNAP Turbo NAS.

Installazione di VM (virtual machine)

Installazione di una VM (virtual machine) via CD/DVD

Se si desidera installare una VM (virtual machine) usando un CD/DVD di un sistema operativo, prima occorre creare un'immagine ISO del disco e archiviarla nel QNAP NAS. Se non si possiede il software per creare i file ISO, usare il collegamento sotto per scaricare l'applicazione adeguata. https://cdburnerxp.se/en/download

Dopo aver scaricato e avviato CDBurnerXP, scegliere “Copia su disco acquisito” e fare clic su “OK”.

Selezionare “Disco rigido” come destinazione, assegnare una cartella di destinazione, un nome al file e selezionare “Tipo di file: ISO (traccia singola)”. Fare clic su “Copia disco” per avviare il processo.

Verrà creato un file immagine ISO del CD/DVD nella cartella di destinazione selezionata.

Installazione di una VM (virtual machine) via file ISO

La descrizione mostrerà i dettagli del QNAP Turbo NAS, incluso il nome, le specifiche e l'uso della CPU, la capacità totale e l'utilizzo della memoria. Di seguito i particolari, con l'elenco di tutte le VM (virtual machines - macchine virtuali) create.

Creare VM:

Per creare una VM (virtual machine - macchina virtuale), scegliere per selezionare un diverso modello predefinito: “micro, mini, piccolo, medio, grande ed extra-grande” e creare unaVM (virtual machine - macchina virtuale) personale.


Poi configurare le impostazioni su tipo e versione del sistema operativo, la posizione dell'immagine CD, la cartella in cui sarà posizionata la VM e l'interfaccia di rete.



Per completare la configurazione, fare clic su “Crea” per creare la VM (virtual machine - macchina virtuale).

Fare clic su “Avvio” per passare a questa VM (virtual machine - macchina virtuale).

Fare clic su “Console” per installare il sistema operativo su questa VM (virtual machine - macchina virtuale).




Introduzione all'interfaccia utente e al funzionamento operativo di Virtualization Station

Panoramica:

La Descrizione mostrerà i dettagli del QNAP NAS, compreso il nome, l'uso della CPU e della memoria, tutta la capacità del volume e il traffico I/O della rete in tempo reale. Di seguito i particolari, con l'elenco di tutte le VM (virtual machines - macchine virtuali) create.

Nella colonna di azione sono presenti cinque pulsanti rapidi per gestire le VM tra cui "Controllo alimentazione", "Console", "Condividi", "Gestione account" e "Assegnazione QVM".

  1. Importare VM:

    Se si desidera importare una VM (virtual machine - macchina virtuale), scegliere per importare il file VM principale da QNAP Turbo NAS o da PC.


    Nota: i formati di file *.ova, *.ovf sono compatibili solo con le macchine virtuali esportate da VirtualBox v4 e VMWare; il formato *.vmx è compatibile solo con le macchine virtuali create da VMWare Workstation 8/9; il formato *.qvm è solo per Virtualization Station.

    Poi, sarà possibile configurare le impostazioni d'importazione della VM.

    Al termine della configurazione, fare clic su “Importa” e attendere il completamento del processo di importazione, per vedere la VM importata su Virtualization Station.


  2. Esportare VM:

    Quando si desidera esportare una VM (virtual machine - macchina virtuale), spegnere la VM (virtual machine- macchina virtuale) prima dell'esportazione.



    Poi, selezionare e configurare le impostazioni di posizione e formato per i file esportati, le immagini incluse nell'esportazione (e se devono essere compresse o meno) e un nome file per i file esportati. Al termine della configurazione, fare clic su “Avvia” per avviare l'esportazione della VM.



    A completamento del processo di esportazione (100%), fare clic su “Fine”. Per scaricare le VM esportate, fare clic su “Download”.

    Fare clic su per controllare tutte le attività di esportazione della VM.

  3. Istantanea:

    Virtualization Station offre la funzione istantanea per registrare lo stato di sistema della macchina virtuale in un determinato momento. Nel caso di guasto della macchina virtuale, gli utenti possono velocemente ripristinarla all'ora dell'istantanea per garantire il continuo funzionamento del sistema.

    Andare alla pagina informazioni della VM e fare clic su "Istantanea".


    Poi, nominare l'istantanea e fare clic su “Crea” per scattare un'istantanea.





    Quando appare il messaggio “Creazione istantanea [nome dell'istantanea] riuscito”, fare clic su “Nascondi” per tornare alla pagina principale di “Istantanee”. Poi fare clic su per controllare tutte le attività delle istantanee e, se si desidera ripristinare lo stato del sistema al momento dell'istantanea, fare clic su “Ripristina”.



  4. Impostazioni di rete:

    Facendo clic su “Impostazioni di rete”, sarà visualizzata la topologia della rete. Facendo clic sull'adattatore VM è possibile scegliere un commutatore virtuale per la connessione. Facendo clic su Commutatore virtuale è possibile impostare la modalità di rete ed essere collegati a un'interfaccia Ethernet.


    Modalità networking:
    • Networking isolato
      L'assenza di collegamenti di interfacce Ethernet a uno switch virtuale crea una rete isolata. L'impostazione manuale dell'indirizzo IP delle macchine virtuali consente di abilitare la comunicazione tra le macchine virtuali collegate allo stesso switch virtuale.
    • Networking solo esterno
      Dopo avere collegato un'interfaccia Ethernet a uno switch virtuale, l'indirizzo IP dell'interfaccia sarà modificato in 0.0.0.0 in modo che il traffico di rete VM non attraversi il NAS.
    • Networking provvisorio
      Il collegamento di un'interfaccia Ethernet (port-trunking disponibile) a uno switch virtuale crea una rete provvisoria. Il NAS e lo switch virtuale possono condividere la stessa interfaccia Ethernet senza occupazione e supportando il trasferimento di dati ad alta velocità tramite il routing interno.
  5. Gestione account:
    Scegliendo , appare una tabella che elenca le autorizzazioni di ogni utente. La tabella mostra una panoramica delle autorizzazioni utente per ogni VM (Virtual Machine) incluse l'Autorizzazione di controllo e Autorizzazioni in sola visualizzazione oppure mostra l'elenco delle VM per ogni utente. Per avere entrambe le visualizzazioni, selezionare "Tutti".


    Facendo clic su [Crea utente] è possibile creare un nuovo utente. È possibile allocare le VM all'utente e impostare le autorizzazioni per l'uso delle VM, come Console e Azioni. Per modificare le autorizzazioni degli utenti esistenti, fare clic sul nome utente e reimpostare le autorizzazioni.


    Facendo clic su nella tabella, è possibile aggiungere una VM all'utente corrente con Autorizzazione di controllo e Autorizzazione in sola visualizzazione. Facendo clic su nella tabella, si elimina la VM dalla tabella.


    Per eliminare degli utenti, fare clic sui nomi utente e su [Elimina].
  6. Gestione dispositivo:

    La configurazione dei dispositivo delle VM è elencata qui di seguito. È possibile passare da una scheda all'altra tra cui Descrizione, HDD, Impostazioni di rete e USB per verificare le informazioni. Facendo clic su "Modifica" è possibile aggiungere, cancellare e impostare i dispositivi.



    a. HDD

    È possibile scegliere tra: 1) Vista archivio 2) Vista VM
    Vista archivio visualizza l'utilizzo di ogni cartella condivisa e volume dati, mentre Vista VM visualizza le configurazioni dei dischi rigidi come controller e modalità cache.


    b. Impostazioni di rete

    È possibile scegliere tra: 1) Vista rete 2) Vista VM
    Vista rete visualizza il traffico dei Commutatori virtuali e delle VM collegate, mentre la Vista VM visualizza le configurazioni dell'adattatore di Rete come i modelli di dispositivo e gli indirizzi Mac.



    c. USB

    È possibile scegliere tra: 1) Vista USB 2) Vista VM.
    Vista USB visualizza le informazioni relative ai dispositivi USB, mentre Vista VM mostra le VM collegate.



  7. Backup e ripristino VM

    È possibile effettuare il back-up della VM/il ripristino a/da NAS remoto o locale. Ogni attività può essere attivata, interrotta, modificata e cancellata manualmente.

    Dopo aver fatto clic su "Nuova attività", è possibile creare un'attività di backup o di ripristino al/dal NAS locale o remoto.


    7.1 Salvataggio delle informazioni su NAS remoto
    Per attività di backup/ripristino da remoto, le informazioni del NAS remoto possono essere salvate per utilizzi futuri.


    7.2 Backup pianificato
    La pianificazione del backup supporta l'impostazione del numero massimo di versioni di backup per un utilizzo ottimizzato dell'archivio.


    7.3 Gestione descrizione NAS remoto
    In “Gestisci descrizione NAS” è possibile modificare, creare e cancellare le informazioni e la descrizione sul NAS remoto salvate.


    7.4 Avvio del backup di una VM in locale
    Il backup di una VM nel NAS locale può essere avviato direttamente come VM ma non può più essere ripristinato. Questo meccanismo riduce i tempi di fermo dei servizi in esecuzione sulla VM.

  8. Preferenze:

    Quando si sceglie “Preferenze”, si vedranno quattro schede:
    1. a. Cartella predefinita: per impostare la cartella predefinita della posizione delle immagini del disco del sistema operativo (cartella immagine ISO) e la posizione delle immagini VM (Cartella immagine HDD).
      Per gli altri utenti che non hanno autorizzazioni di accesso al NAS e potrebbero utilizzare le immagini CD/DVD, è possibile impostare la cartella predefinita per la posizione delle immagini CD/DVD (Cartelle condivise CD/DVD).
    2. Impostazioni di porta
      Le porte predefinite di "Server Web", "Server Web (SSL)" e "Console HTML5" sono rispettivamente 8088, 8089 e 3388. È possibile specificare le porte utilizzate da Virtualization Station.
    3. Impostazione UPnP: per abilitare/disabilitare il router UPnP e accedere al NAS da Internet. (Nota: questa funzione lavora solo sui dispositivi UPnP supportati).
    4. Lingua
      È possibile modificare la lingua visualizzata.

  9. VM Marketplace

    Scegliendo , si visualizzano due VM Marketplaces, "Bitnami App Store" e "VMware Virtual Appliances Marketplaces". Facendo clic su uno di essi, ad esempio [VMware Virtual Appliances Marketplaces], appare una procedura per il download di Virtual Appliances che indica come scaricarli e importarli in Virtualization Station.


  10. Log:

    Se si desidera controllare i log di sistema della Virtualization Station, selezionare. Per scaricare il report completo dei log di sistema, fare clic su “Scarica” per scaricare un file CSV con i log di sistema della Virtualization Station sul PC.
  11.   Pagina informativa macchina virtuale

    Nell'elenco delle Macchine virtuali, sono visibili tutte le VM (virtual machines - macchine virtuali) create. Scegliendo una VM (virtual machine - macchina virtuale) è possibile controllare le informazioni hardware per questa VM (virtual machine - macchina virtuale).
    • Fare clic su [Potenza] per accendere o spegnere questa VM (virtual machine - macchina virtuale).
    • Facendo clic su “Sospendi”, si sospende questa VM (virtual machine - macchina virtuale) permettendo il “Riprendi” più avanti.
    • Facendo clic su “Console”, si passa alla VM (virtual machine - macchina virtuale) selezionata per utilizzarne il sistema operativo.
    • Facendo clic su “Istantanea”, si registra lo stato del sistema della macchina virtuale in determinato momento.
    • Facendo clic su “Elimina”, si elimina questa VM (virtual machine - macchina virtuale).
    • Facendo clic su “Clona”, si copia questa VM (virtual machine - macchina virtuale) in un'altra cartella condivisa sul QNAP Turbo NAS.
    • Se si fa clic su “Inserisci unità VM”, sarà inserita l'immagine dell'unità VM alla VM. (Nota: questo driver VM è in grado di installare dispositivi di interfaccia VirtIO quali Virtual Gigabit Ethernet e Controller disco virtuale. Dopo avere selezionato i dispositivi di interfaccia VirtIO, sarà possibile individuare il driver della VM per installarli nella VM.)

    Facendo clic su “Virtual Machine Settings”, è possibile configurare ogni opzione della VM (virtual machine - macchina virtuale) incluso rete, hardware, opzioni di riavvio, CD-ROM, video, avvio automatico e console remota.



    Spuntando “Visualizzazione locale” sarà possibile attivare la VM localmente tramite la HD Station. È possibile utilizzare una tastiera, un mouse e un monitor HDMI per controllare direttamente le VM come su un normale PC.

    Dopo aver selezionato questa opzione, appare un'icona [QVM] nella schermata di uscita verso HD Station. Facendo clic sull'icona [QVM] si entrerà nella console VM.

    Trascinando il cursore del mouse al centro in alto nella console della VM, verrà visualizzata una barra degli strumenti con l'opzione "su schermo", “Send key combination” (Invia combinazione tasti) e “Disconnect” (Disconnetti).

    : consente di uscire dalla modalità a schermo intero della VM
    : fornisce l'opzione di invio delle combinazioni di tasti
    : consente di disconnetteresi e tornare alla HD Station

    Facendo clic su accanto all'immagine del CD, sarà possibile selezionare un'immagine ISO CD/DVD dal Turbo NAS da inserire nella VM.

    Facendo clic su accanto all'unità USB, sarà possibile selezionare i dispositivi USB da collegare alla VM.

    Attenzione:
    1. consideratà la varietà di dispositivi USB presenti, non è possibile garantire un supporto USB universale. Dispositivi USB generici quali unità USB, lettori di schede, tastiere, mouse, stampanti e scanner dovrebbero essere compatibili.
    2. Se un dispositivo USB richiede un driver, sarà necessario installarlo nella VM.
    3. Per essere utilizzati, i dispositivi USB 3.0 devono essere collegati a una porta USB 2.0. I dispositivi USB 2.0 (o precedenti) possono essere utilizzati con porte USB 3.0.
    4. In una VM è possibile usare contemporaneamente 3 dispositivi USB al massimo.




    Per rimuovere un dispositivo USB:
    1. Disconnettere il dispositivo USB mediante il sistema operativo ospite
    2. Disconnettere il dispositivo USB nella pagina delle informazioni della VM nella Virtualization Station
    3. Scollegare il dispostivo USB dal Turbo NAS
  12. Console:

    Fare clic su “Console” per installare il sistema operativo su questa VM (virtual machine - macchina virtuale). Si può scegliere il livello di qualità della connessione: Alta, Media, Bassa e Ultra bassa.


    • Facendo clic su , si interrompe l'esecuzione su questa VM (virtual machine - macchina virtuale).
    • Facendo clic su , si azzera questa VM (virtual machine - macchina virtuale).
    • Facendo clic su , si spegne questa VM (virtual machine - macchina virtuale).
    • Facendo clic su , si forza lo spegnimento questa VM (virtual machine - macchina virtuale).
    • Facendo clic su , si registra lo stato del sistema della macchina virtuale in determinato momento.
    • Facendo clic su , si attiva “Ctrl+Alt+Del” per questa VM (virtual machine - macchina virtuale).
    • Facendo clic su , viene visualizzata la multi-tastiera del software per questa VM (virtual machine - macchina virtuale).


    • Facendo clic su , la dimensione della finestra si adatta automaticamente.
    • Facendo clic su , si visualizza l'intero schermo.
    • Facendo clic su , la qualità di connessione passa a livello alto.
    • Facendo clic su , la qualità di connessione passa a livello medio.
    • Facendo clic su , la qualità di connessione passa a livello basso.
    • Facendo clic su , la qualità di connessione passa a livello ultra basso.

Limiti di Virtualization Station

Elemento Descrizione
Elenco supporto SO Microsoft Windows XP
Microsoft Windows 7
Microsoft Windows 8
Microsoft Windows 8.1
Microsoft Windows Server 2003 R2
Microsoft Windows Server 2008
Microsoft Windows Server 2008 R2
Microsoft Windows Server 2012
Microsoft Windows Server 2012 R2
Fedora 11、12、13、14、15、16、17、18、19
CentOS 6.0、6.1、6.2、6.3、6.4、7.0
Red Hat Enterprise Linux 6、7
Suse Linux Enterprise Server 11
OpenSUSE 11、12
Ubuntu 10.04 LTS (Lucid Lynx)
Ubuntu 10.10 (Maverick Meerkat)
Ubuntu 11.04 (Natty Narwhal)
Ubuntu 11.10 (Oneiric Ocelot)
Ubuntu 12.04 LTS (Precise Pangolin)
Ubuntu 12.10 (Quantal Quetzal)
Ubuntu 13.04 (Raring Ringtail)
Ubuntu 13.10 (Saucy Salamander)
Ubuntu 14.04 (Trusty Tahr)
Ubuntu 14.10 (Utopic Unicorn)
Maximum number of Virtual CPUs Fino a 4 per Intel® Core™ i3 / i5.
Fino a 8 Intel® Xeon / Core™ i7
RAM Fino a 30 GB (VM singola).
- Tower (16 GB): fino a 14 GB (VM singola).
- Rackmount (32 GB): fino a 30 GB (VM singola).
Numero massimo di Virtual Switches Fino a 8.
Numero massimo di istantanee Fino a 16 per VM (Virtual Machine).
Numero massimo di VM in esecuzione simultanea Il numero di VM in esecuzione simultanea è soggetto all'uso reale della RAM, della capacità della CPU e dalle applicazioni in esecuzione sulle VM.
L'esecuzione contemporanea di più VM può influire sulle prestazioni del NAS. (Nota: consultare il sito web QNAP per maggiori informazioni, indicato su ogni modello di NAS).
Numero massimo di VM Nessun limite
Supporto file VM importata *.OVA / *.OVF: VirtualBox 4.x e VMWare 5.0
*.VMX: VMWare WorkStation 8 e 9
Scheda VGA VGA standard.
(Nota: Direct X e OpenGL non sono supportati)
Data di rilascio: 2014-02-18
È stato utile?
Grazie per il feedback.
Grazie per il feedback. Per eventuali domande, contattare support@qnap.com
79% delle persone lo ritengono utile.